Ti trovi in

Basta parole, occorrono fatti! La priorità è il lavoro!

Buongiorno a tutti e grazie per l’attenzione.
Per risolvere i problemi più gravi ed urgenti che affliggono il nostro Paese bisogna investire subito sui giovani, creando al più presto posti di lavoro  per tutti, giovani e meno giovani; infatti, i giovani rappresentano la speranza del nostro futuro e bisogna evitare di farli emigrare dall’Italia all’estero, cosi come facevano i nostri padri e i nostri nonni in cerca di fortuna e di un lavoro dignitoso e di un futuro migliore, dopo essersi formati nelle nostre scuole e nelle nostre università e sacrificati per anni sui libri per conseguire un titolo di studio a spese dei loro genitori e dello Stato italiano.
Per evitare la fuga all’estero dei nostri cervelli e lo spopolamento dei nostri territori, la vera battaglia di tutte le battaglie da fare è quella di creare subito sviluppo e occupazione per tutti.
Il Governo deve favorire e stimolare la crescita e la produzione industriale delle nostre imprese ed aziende, consentendo alle imprese italiane di aumentare la produzione e di incrementare la competitività e l’esportazione dei nostri prodotti all’estero, favorendo  l’assunzione di lavoratori e lavoratrici ,in modo tale da incrementare  l’occupazione dei senza lavoro.
Purtroppo la vera piaga sociale che affligge la nostra società è la carenza cronica di lavoro, e pertanto chi ha responsabilità di governo ha il dovere di dare  risposte concrete ed urgenti a tutti i cittadini.
Il Governo che si è insediato da 14 mesi deve stanziare le risorse necessarie per fare ripartire l’economia,  finanziando le opere pubbliche (mettendo in sicurezza le scuole, gli edifici pubblici, i beni culturali ed ambientali, i centri urbani, le strade, le autostrade, le ferrovie, favorendo il trasporto su gomma e su rotaia; stanziando le risorse per  effettuare le riforme strutturali che occorrono al nostro Paese e potenziare le vie di comunicazione per favorire la circolazione delle persone e delle merci in tutto il territorio.
Ormai siamo ad un bivio e il Governo deve mettere al centro dell’agenda politica come priorità assoluta l’occupazione, la giustizia, la sicurezza, la previdenza, l’assistenza sanitaria, per dare risposte adeguate alle persone bisognose e ai ceti socialmente deboli che vivono in povertà ai margini della società.
Noi ci batteremo anche per garantire un’adeguata sicurezza, stimolando le istituzioni a prevenire  ancora di più i reati  stroncando sul nascere il fenomeno del terrorismo internazionale che  non va assolutamente sottovalutato; bisogna far fronte anche alla criminalità comune ed organizzata, dando una percezione di un Paese più sicuro potenziando con uomini, mezzi e  risorse le forze dell’ordine  che svolgono un ruolo delicato e strategico per la nostra sicurezza.
MICHELE ALESSI