Ti trovi in

Auguri del Presidente dell’Associazione

Auguriamo a tutti i cittadini un Buon 2016 che porti tanta serenità e benessere, valori fondamentali per la crescita di una civiltà, quella europea, che negli ultimi anni sta affrontando molteplici problemi, sia sotto il profilo economico, sia sotto quello della sicurezza che rimane una componente fondamentale ed irrinunciabile per il vivere civile, in un momento di profondi cambiamenti che investono l’intera società ed in particolare il settore della sicurezza.

Ricollegandoci a quest’ultimo elemento, possiamo constatare che l’anno appena trascorso è stato tra i più drammatici vissuti negli ultimi quindici anni, che ha sensibilizzato l’intero pianeta, iniziando con la strage nella redazione di Charlie Hebdo e concludendosi con gli eventi drammatici dell’attacco terroristico del 13 novembre 2015 a Parigi, che hanno causato centinaia di vittime innocenti. Stiamo vivendo un periodo storico nel quale la presenza massiccia di social network e delle tecnologie di geolocalizzazione, assumono un’importanza strategica di primo livello dal punto di vista della prevenzione, in quanto, filtrando preventivamente i movimenti di personaggi sospetti e pericolosi per il “mondo occidentale”, si potrebbe intervenire tempestivamente evitando il verificarsi di simili attacchi terroristici ponendo in essere un’azione di intelligence coordinata tra i vari paesi d’Europa mirata a salvaguardare la sicurezza del mondo globalizzato.

Abbiamo constatato il ruolo di primo piano che hanno avuto negli ultimi tempi i combattenti stranieri “foreign fighters” tra le file dei miliziani ribelli che si oppongono alle truppe governative siriane. Questi soggetti, cresciuti nei paesi occidentali, hanno vissuto evidentemente una vita non integrandosi perfettamente nel loro contesto sociale e probabilmente sono stati vittime di una mala politica dell’integrazione che ha spesso relegato i nuovi immigrati ai margini della società occidentale.

In questo contesto è prioritario favorire l’occupazione delle giovani generazioni, che non riescono ad individuare sani punti di riferimento per il loro avvenire e necessitano di una guida più sicura per il loro futuro. Va altresì garantita l’occupazione di quei cittadini che, loro malgrado, hanno perso il posto di lavoro a causa della crisi economico-finanziaria che perdura ormai da diverso tempo, per evitare sbandamenti dei loro nuclei familiari che, improvvisamente non hanno più fonti di sostentamento e si trovano privi delle risorse economiche essenziali per vivere una vita dignitosa, dopo aver lavorato per tanti anni al servizio del loro Paese. Va salvaguardata la dignità della persona umana che deve essere al centro dell’azione politica e governativa.

Il nostro Paese fortunatamente non è il fanalino di coda rispetto alla sicurezza antiterroristica, in quanto negli ultimi trent’anni i nostri servizi di intelligence hanno sfruttato le esperienze pregresse e le professionalità acquisite e maturate nel tempo sul campo, con la lotta al terrorismo nostrano, alla criminalità organizzata e all’immigrazione clandestina, facendo buon uso delle tecniche operative, dei mezzi e degli strumenti in dotazione, nonché dei provvedimenti legislativi varati dal Parlamento Italiano e delle risoluzioni contenute nel decreto antiterrorismo approvato recentemente dal Parlamento Europeo.

Nonostante ciò,non bisogna mai abbassare la guardia e bisogna tenere sempre alta la vigilanza, affinché vengano salvaguardate le istituzioni democratiche del nostro Paese, ponendo in essere una concreta attività di prevenzione per monitorare qualsiasi azione terroristica e per rendere più sicura la nostra Nazione.

Va considerato inoltre che, nel giro di pochi decenni, la nostra vita quotidiana è stata, per così dire, avvolta da una sfera più ampia di eventi che hanno investito ormai tutto il pianeta, dalle più ampie realtà politiche ed istituzionali, fino alle relazioni più piccole, minute,quelle che intercorrono tra i singoli cittadini,compresi i più deboli ed indifesi, verso cui va sempre l’attenzione di chi deve assumersi la responsabilità di garantire loro la sicurezza.

Noi siamo ben disposti ad accogliere le proposte costruttive di chiunque desideri, insieme a noi, costruire un percorso comune condiviso,  volto a migliorare la sicurezza dei cittadini e rendere più sicuro il nostro Paese.

Lo scopo primario dell’Associazione “Sicurezza, Giustizia e Legalità – Osservatorio per l’Europa”, di cui mi onoro di essere il presidente è quello di dare l’opportunità a tutti i cittadini di confrontarsi, esprimendo liberamente le proprie idee, con lo scopo primario di contribuire e proporre progetti innovativi e costruttivi per elevare gli attuali standard di sicurezza e migliorare la qualità di vita.

A tal fine, bisogna adottare una strategia globale, il web va sfruttato efficacemente, come mezzo di comunicazione principe in una società in progressiva evoluzione. Bisogna inseguire il cambiamento anche nelle forme di comunicazione affinché si garantisca realmente sicurezza in ogni aspetto della vita. Oggi non si può pensare che la sicurezza sia soltanto quella statica che si effettua utilizzando dei giovani militari a presidiare esclusivamente i grandi centri urbani delle aree metropolitane.

L’associazione si propone come strumento pluralista e democratico, al fine di rappresentare anche nelle sedi istituzionali deputate, le proposte formulate dai cittadini di questo Paese, senza distinzione alcuna tra essi, finalizzate alla risoluzione di problematiche che coinvolgono sempre più la popolazione, utilizzando principalmente il web quale strumento di condivisione democratica e fucina di idee che deve contribuire a garantire integrazione, sviluppo, benessere e ricchezza nella sicurezza.

Il nostro intento è finalizzato a migliorare la qualità della vita dei cittadini, in tutti i suoi aspetti, consentendo innanzitutto la loro libera circolazione per potersi muovere e agire liberamente in un contesto più sicuro, così come deve essere garantita tale possibilità in un Paese democratico, libero, moderno ed al passo con i tempi.

BUON 2016
Titolo: BUON 2016
Dimensione: 172 KB